sabato 6 settembre 2014

Riabilitazione Neuromotoria, uno strumento sottovalutato

Che la riabilitazione ricopra un ruolo centrale nel prevenire e trattare le infermità correlate a danni neurologici è fatto noto; il suo reale potenziale un po’ meno.
Spesso la riabilitazione dai non addetti ai lavori è vista come mera “ginnastica” più che come vero e proprio presidio terapeutico. Tuttavia questa, quando applicata in maniera adeguata è fonte di un notevole miglioramento della qualità di vita all’insegna di una ritrovata autonomia.
Una delle migliori strutture a livello europeo dedicate alla riabilitazione è l’ADELI Medical Center di Piestany (Slovacchia) che da più di dieci anni è in prima linea nel trattare disturbi neurologici sin dalla prima infanzia.

Peculiarità di ADELI è quella di unire due procedure efficaci per la cura di pazienti che hanno subito danni al sistema nervoso centrale:
  • l’ossigenoterapia iperbarica
  • la propriocezione intensiva













Il principio di questa combinazione è semplice ed intelligente al tempo stesso. L’ossigenoterapia iperbarica favorisce il recupero delle aree danneggiate del sistema nervoso centrale, mentre la stimolazione propriocettiva fornisce al cervello una gran quantità d’informazioni corrette che, grazie alle neuroplasticità, permettono una corretta, o almeno più accurata possibile, riprogrammazione neuromotoria.



Il protocollo si basa su un programma terapeutico individuale intensivo strutturato in base allo stato del paziente e agli obiettivi terapeutici. Il trattamento comprende componenti fisse, variabili e supplementari che vengono attribuite in base all’anamnesi, i disturbi secondari e le comorbilità dell’assistito.

Per ulteriori approfondimenti vi lascio il link ufficiale del progetto.
Fonte:
Nature Reviews Neurology 7, 86-97 (February 2011) doi:10.1038/nrneurol.2010.201
Journal of NeuroEngineering and Rehabilitation 2011, 8:66 doi:10.1186/1743-0003-8-66

Articoli correlati
Sindrome del Tunnel Carpale le manette dello scrittore