mercoledì 26 febbraio 2014

Cos'è la Net Neutrality

Oggi parliamo di un concetto estremamente controverso: la Net Neutrality.
Mi piacerebbe iniziare l'articolo dicendo “Si definisce Net Neutrality...”, ma non posso perchè non c'è una definizione univoca.
Potrei allungare il brodo facendo riferimento alle decine di definizioni date nel corso del tempo da addetti ai lavori e da auto-celebratisi tali, ma non lo farò. Grazie al magnifico strumento culturale che sono gli Open Data vi rimando alla pagina di Wikipedia Italia che raccoglie tutte queste citazioni. Prima di proseguire nella lettura vi consiglio di darvi un'occhiata.
Dopo esser saliti sulle spalle dei giganti e aver scrutato le varie implicazioni filosofiche, torniamo a terra e cerchiamo di capire perchè non è facile racchiudere questo concetto in una definizione univoca.
La Neutralità della rete è l'unicorno dei giuristi del terzo millennio perchè unisce un bisogno antico come la libertà e uno strumento moderno come la rete.
  • La libertà è un concetto al quale si cerca da tempo di dare una definizione univoca, ma è così sfuggente che la migliore che siamo riusciti a trovare è “la nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri”, chiaro no?
  • La rete invece è uno strumento moderno in costante e rapido cambiamento; la definizione di rete e le sue implicazioni dalla fine del secolo scorso ad oggi sono in buona parte superate. Quello che prima era uno strumento tecnico, è successivamente mutato in un vezzo da appassionati ed oggi è indispensabile per la vita sociale e lavorativa; di pari passo i diritti e le tutele dei cittadini nella rete sono passati dall'essere un'idea da libri di fantascienza a necessità concreta, caposaldo per la democrazia. Tutto questo in meno di 30 anni, giuridicamente e culturalmente parlando un batter d'occhio.

Questa rapida evoluzione non è dovuta solo all'aumento delle performance delle infrastrutture, condizione necessaria ma non sufficiente per favorirne lo sviluppo, ma anche (soprattutto) ai servizi offerti sulla rete stessa. Servizi come luoghi di ritrovo (social network, forum), di comunicazione (e-mail, chat), d'informazione (giornali on-line, alcuni blog), d'intrattenimento (hosting video, musicali, giochi on-line) ecc. hanno reso la rete uno strumento dapprima affascinante e successivamente indispensabile al pari delle strade e del telefono.

Violare la neutralità della rete, frammentandola e lasciando la possibilità di discriminare l'accesso ai servizi agli operatori o ai governi, significa oggi limitare la libertà dei cittadini.
Esiste un concetto chiaro e ben definito per descrivere questa condizione: ghettizzazione.